Cos’è il TTIP e come cambieranno le cose per il nostro Paese

Cos’è il TTIP e come cambieranno le cose per il nostro Paese

Oggi facciamo un po’ di economia e ci mettiamo dentro un pizzico di geopolitica. Tranquilli, non saliamo in cattedra e non vi proponiamo nulla di accademico. Anzi, proviamo a capire insieme un tema che in questi giorni tiene banco su tutti i giornali e scopriamo in che termini ci riguarda (noi, voi e le arance). Eh già…

Parliamo del TTIP ovvero del Trattato Transatlantico sul commercio e gli investimenti che riguarda l’America e l’Europa. L’accordo – ancora in fase di definizione – agevolerà il libero scambio e il commercio di beni e prodotti eliminando i dazi doganali e le barriere non tariffarie (che fanno aumentare i prezzi finali rendendoli meno competitivi). In pratica il commercio tra il nostro Paese e gli Stati Uniti potrebbe diventare più agevole. Condizionale d’obbligo, perché il pericolo è dietro l’angolo…

Per i piccoli produttori locali come noi (e come molti di voi, dei vostri amici, familiari o conoscenti) potrebbe essere una gara impari. Le aziende siciliane che esportano delle eccellenze, da generazioni, in tutto il mondo, potrebbero venire schiacciate dai colossi agroalimentari statunitensi che sbarcherebbero in massa con i loro prodotti. Ma non finisce qui…

Il pericolo è che i prodotti italiani vengano confusi con quelli del made in Italy tarocco. Ci sono tantissimi alimenti che giocano sull’italian sounding, sembrano italiani in tutto e per tutto (dal nome al packaging) salvo poi scoprire che sono stati prodotti nel Wisconsin. Non sappiamo ancora quello che succederà nei prossimi mesi però, giocando d’anticipo, possiamo darvi un consiglio…

Controllate sempre l’origine territoriale perché è quella che garantisce l’autenticità e che aiuta a preservare il made in Italy, la tradizione agricola di un Paese e le proprietà intrinseche del prodotto. Noi di Mammarancia puntiamo su questo da sempre: abbiamo perfino un QR Code sulle cassette che ti permette di vedere il lotto di terreno su cui sono state raccolte le tue arance.

Difendiamo l’eccellenza del nostro Paese.

 

Condivi suShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+