Il valore della certificazione biologica

Il valore della certificazione biologica

Come già saprete, le arance Mammarancia sono Biologiche: ciò vuol dire che con la nostra agricoltura sfruttiamo la naturale fertilità del suolo, la favoriamo con interventi naturali e strettamente limitati e non utilizziamo prodotti di sintesi o geneticamente modificati.

Tuttavia, prima di parlare di certificazione biologica bisogna ricordare l’aspetto distintivo e tipico dell’agricoltura bio, ovvero la conservazione della sostanza organica del terreno come una forma di agricoltura a basso impatto ambientale.

Noi di Mammarancia ci teniamo a offrire un prodotto che sia fresco e naturale, ciò significa che ci impegniamo non solo a parole ma anche con i fatti. Quindi vi starete chiedendo, perché bisogna anche certificarsi?

La risposta è semplice: la certificazione biologica ha lo scopo di tutelare i nostri consumatori, in Italia e nel mondo. Nello specifico, l’agricoltura biologica é un metodo di produzione che rispetta il benessere umano e animale e difende la biodiversità ambientale e culturale dei territori. Si tratta di un modello di sviluppo sostenibile volto a salvaguardare ambiente e territorio e valorizzare la qualità delle risorse delle comunità locali, aiutando queste ultime a far fronte alla concorrenza globale.

Al fine di ottenere la certificazione Biologica bisogna seguire un iter attraverso normative rigide che regolano tale certificazione, come ad esempio i controlli sull’intera filiera di produzione e un rigido processo di verifica al quale un’azienda agricola deve risultare assolutamente conforme.

In primis, è necessario un periodo di conversione della durata minima di due anni prima di poter iniziare a produrre prodotti agricoli che possano essere commercializzati come biologici. In ogni momento, ogni operatore del settore (agricoltore, trasformatore e distributore) può essere soggetto a ispezioni da parte degli organismi di controllo almeno una volta all’anno.

Una certificazione come quella biologica, dunque, comporta non solo sacrifici e maggiore impegno, ma anche investimenti che possano consentire a chi assapora le nostre arance di poter gustare un frutto davvero naturale.

Certificarsi dunque non significa soltanto affrontare un lungo e faticoso processo ma significa anche attenzione, coscienza, amore per la propria terra e passione per i propri prodotti; significa per noi garanzia dell’offerta, innovazione, controllo, correttezza.

Condivi suShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+