Arancia Valencia: la bionda che arriva col caldo

Arancia Valencia: la bionda che arriva col caldo

Se anche voi fate parte  di quegli uomini che preferiscono le bionde, probabilmente amerete le “ritardatarie” della famiglia delle arance. Parliamo delle Valencia (che a dispetto del nome sono sicilianissime). Queste sono le ultime arance offerte dalla nostra terra, quelle che chiudono il periodo di raccolta.

D’altronde è concezione comune pensare che l’arancia sia un frutto tipicamente invernale. In realtà le Valencia maturano a primavera inoltrata, tra Aprile e Maggio, e si raccolgono fino a Giugno. Riescono a mantenersi in frigo anche per periodi medio-lunghi quindi chiunque voglia portare con sé un po’ di arance ad inizio estate può assicurarsi la sua scorta di vitamina C anche in vacanza.

Nonostante il colore meno “rosso” le Valencia sono comunque ricche di questa sostanza e si confermano, manco a dirlo, alleate del benessere. La polpa, tipicamente bionda o arancione, è molto succosa e, quasi sempre, priva di semi. Questo rende questi frutti ideali per delle deliziose spremute che, con il primo caldo, possono essere delle dissetanti e fresche bevande.

E visto che il caldo è arrivato e la prova costume pure, vi consigliamo il consumo di arance anche e soprattutto in questa stagione in quanto – e diversi studi lo hanno dimostrato – questi frutti vi aiuteranno a perdere qualche chilo e a depurarvi. Ogni arancia Valencia, infatti, è composta da circa l’ 80% d’acqua e contiene solo 40 calorie per 100 grammi. Quando la fame si fa sentire, specie durante gli spuntini di metà mattina o le merende pomeridiane, consumate un arancia. Vi sentirete sazi e appagati con pochissime calorie. Grazie alla capacità di mantenere alto il metabolismo vi sentirete sazi più a lungo. Infine, grazie all’apporto di vitamine C, B, P, Sali minerali e fibre, le arance contrastano la ritenzione idrica e vi aiutano a eliminare i liquidi in eccesso e a sgonfiare.

Arancia fa rima con bikini.

 

Vai al prodotto.

 

Condivi suShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+