Addio alla spremuta d’arancia?

Addio alla spremuta d’arancia?

Quanti raffreddori sono stati curati con delle belle spremute?
Quante merende sono state preparate dai nostri nonni o dai nostri genitori con delle arance fresche?

La spremuta d’arancia è parte integrante del patrimonio agroalimentare del nostro Paese nonché un orgoglio tutto siciliano da esportare all’estero. Oggi, però, rischia di sparire per sempre.

Negli ultimi 15 anni, un arancio italiano su tre è stato tagliato. Parliamo del 31% dell’intera coltivazione. Questo vuol dire che sono andati persi 60mila ettari di agrumi.
Ma se la produzione di arance italiane crolla, l’importazione di quelle straniere cresce in modo esponenziale. L’incremento, nell’ultimo decennio, è stato del 100% e l’anno scorso si è toccato il record storico con 480milioni di chili di arance importate. L’allarme arriva dalla Coldiretti.

A farne soprattutto le spese sono le arance da spremuta. Il succo d’arancia artigianale, quello preparato con il 100% di frutta genuina, viene scelto sempre meno. Dall’estero, infatti, viene importato anche il succo, già lavorato, che spesso proviene da Paesi che utilizzano prodotti chimici vietati in Italia.

Ma in cosa si traduce questo abbandono della spremuta d’arancia siciliana?

Meno lavoro per gli italiani: crisi delle aziende agricole
Pesanti effetti ambientali: si sta lentamente trasformando il panorama agricolo delle nostre terre
Ripercussioni sulla salute dei consumatori: arrivano sulla tavola prodotti meno genuini.

Sapevate, ad esempio, che nelle bevande industriali, il succo di vera frutta, per legge, può anche essere solo del 12%. Già un anno fa il Parlamento italiano aveva chiesto di aumentare la quantità minima di succo al 20% ma non è mai arrivato un decreto applicativo.

Insomma, acquistare arance siciliane e preparare una spremuta “casalinga” in grado di mantenere la totalità dei nutrienti e delle sostanze benefiche per la salute non ha prezzo.

Al momento, il bicchiere è ancora mezzo vuoto. Riempiamolo, ma nel modo giusto.

Condivi suShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+